JUNIORES : UNA ZENITH INGUARDABILE UMILIATA 5-1 DAL TAVARNUZZE IMPRUNETA. ESPULSI BISCARDI E MAGNATTA.

24-10-2009 -

TAVARNUZZE IMPR. : Lo Castro, Morrocchi, Maffi, Ceccatelli (74´ Mazzetti), Consoli, Volpi, Bianco (70´ Piazzini), Balatri, Ferri (46´ Romiti), Favilli (68´ Venturi), Sodi (60´ Casini). A disp. : Fracassini. All. : Dimitri Baroni.
ZENITH SUP. AMBR. : Antonelli, Pamio, Romei, Manetti, Querci, Magnatta, Tarocchi, Singh (35´ Vona), Terlindi, Valeriani (46´ Pezzati), Biscardi. A disp. : Sammartino. All. : Alessandro Celadon.
ARBITRO : Zoffrillo di Valdarno.
RETI : 28´ Consoli, 59´ e 72´ Romiti, 62´ Balatri (rig.), 78´ Pamio, 90´ Venturi.
NOTE : Angoli 5-2 per il Tavarnuzze. Ammoniti Piazzini per il Tavarnuzze; Valeriani, Pezzati, Antonelli per la Zenith. Espulsi per la Zenith Biscardi e Magnatta.

Prima del commento alla partita permettetemi un´analisi personale. Era da diversi anni che non vedevo una partita giocata così male da una squadra di ragazzi. Non tanto per la sconfitta , meritatissima e umiliante nel punteggio, contro una diretta concorrente alla salvezza. Ma la mancanza di "palle" dimostrata da tutti quanti in partita. Se questo è il massimo che avete dato, lo avete dato male credetemi. Nel post partita poi a caldo sono sempre lì a raccogliere le impressioni di tutti quanti ma ieri di scusanti ne ho sentite più del solito. Pochi hanno ammesso la mancanza di attributi, anzi, la maggior parte inizia a dare la colpa agli allenamenti, alla scarsa consistenza nel metodo, alla mancanza di schemi, ecc. Ragazzi, si ricomincia ?????? Lo scorso anno per chi non lo sa abbiamo passato una stagione da incubo proprio per questo motivo, a pagarne fu l´allenatore, ma i ragazzi dovettero ammettere con il tempo che insomma tutta colpa del mister non era. Ora si ricomincia !!!!! Secondo me dovreste farvi un´ esame di coscienza, se così fosse prego Alessandro Celadon se leggerà questa mia riflessione di parlare con voi, e voi dovrete avere il coraggio di dirgli in faccia quello che avete detto a me. E´ molto facile parlare a luci spente e al momento opportuno voltare le spalle e scappare, io mi sto esponendo , ora fatelo anche voi. La mancanza di schemi ???? Benissimo c´è una persona addetta a questo che il calcio lo conosce meglio di voi, saprà porre rimedio. Ma ricordatevi che le "palle" non si comprano al mercato, o le si hanno o si cambia sport. Altro punto : tempo fa qualcuno aveva detto che la società non vi stava dietro !!!!! Forse vi scordate facilmente e allora ve lo voglio ricordare a tutti quanti che di attenzione come quella nei vostri confronti altre categorie sotto all´interno della Zenith ne vorrebbero e ne avrebbero anche più bisogno. In certe partite avete avuto in panchina Mario Settesoldi (Vice-presidente), Antonio Argenziano (Consigliere) , il sottoscritto sempre (Consigliere) . Mi spiegate cosa volete di più ????? Dobbiamo chiamare anche il Presidente della società in persona per sentirvi "protetti" ???? Se non considerate il sottoscritto "uno" della società sono pronto e disposto a dirottarmi verso altre categorie di ragazzi , che avrebbero un bisogno assoluto di una persona che li seguisse dietro dietro come faccio io con voi. Mi sembra che la società sia anche troppo disponibile nei vostri confronti !!!! Quindi secondo me discorso società chiuso !!!!! E non consideriamo anche colui che addirittura dopo la partita, fuori, ha chiesto di svincolarsi a dicembre !!!!!! Lo dico a te, smettila !!!! Niente nomi, io ho portato alla luce solo qualche magagna all´interno della squadra, so per filo e per segno da chi escono queste polemiche, ricordatevi vi conosco più di quanto pensate. Ma ora sta a voi dimostrare di avere "le palle" giuste per esporvi in prima persona con il mister, se proprio questo è il vostro problema. L´input l´ho dato, ora dimostratevi adulti fino in fondo, e assumetevi anche le vostre responsabilità. Io sono e sarò sempre dalla vostra parte , ma non siete più bambini, a 17-18 (qualcuno anche 19) si può anche pretendere di avere a che fare con gente adulta.

E ora la gara.
Doveva essere la partita della scalata alla classifica, passato il duro ciclo iniziale. Da oggi invece siamo soli al terz´ultimo posto visto che le squadre di fondo hanno vinto quasi tutte . Forse l´approccio mentale alla partita è stato sbagliato, da troppe parti si pensava che andare a Tavarnuzze voleva dire tre punti assicurati. Ma del calcio allora non s´è capito niente !!!!!!
Già l´inizio dimostra una imbarazzante differenza di nervo fra le due squadre, perché tecnicamente sono convinto che in normali noi eravamo superiori a loro.
Siamo appena al 3´ quando Bianco riceve una palla lunga sull´out di destra, entra in area e quasi dalla linea di fondo rimette al centro area per Favilli inspiegabilmente tutto solo, destro incrociato di prima intenzione e palla che sfiora il palo alla sinistra di Antonelli. Con il passare dei minuti si fa sempre più evidente la differenza di mordente fra le due squadre. Soltanto quattro minuti piu´ tardi la squadra di casa si ritrova di nuovo nella nostra area quasi senza cercarlo. Palla sulla sinistra per Sodi che dal limite in corsa cerca di sinistro la porta blu-amaranto, nonostante la palla sia fuori dallo specchio della porta Antonelli si tuffa deviando in angolo.
La sensazione è che la Zenith sia già sparita dal campo prima ancora di entrarci. Al 12´ una palla lunga dalle retrovie pesca Ferri sul vertice sinistro dell´area di rigore, tiro in corsa di quest´ultimo forse senza convinzione, la palla sfiora l´incrocio alla sinistra di Antonelli. In questa fase iniziale sembriamo talmente fermi da far sembrare dei fenomeni i nostri avversari, che vista la situazione si portano ancora sotto rete al 20´ quando Ferri parte sulla sinistra, si accentra, rimette indietro al limite dell´area per Sodi che batte di prima intenzione sfiorando il palo alla destra del portiere.
Soltanto al 26´ quasi per sbaglio ci facciamo vivi sul fronte d´attacco, Singh viene contrastato da un difensore , la palla schizza sul limite dell´area per Tarocchi che tenta la conclusione in corsa ma il tiro di sinistro è più un´appoggio al portiere (fra l´altro fuori dai pali) che una conclusione vera e propria.
Inevitabilmente vista la nostra inconsistenza sul campo , la squadra avversaria va meritatamente in vantaggio al 28´ : dalla destra viene battuto un calcio d´angolo al centro area per Bianco, il destro secco di quest´ultimo finisce sulla traversa e rimbalza sulla linea di porta (qualcuno dell´altra squadra chiede subito il gol) , difesa ferma e immobile a guardare il pallone che rimbalza una volte, due volte nell´area piccola, alla fine arriva in corsa Consoli e di testa anticipa tutti e mette dentro da distanza ravvicinata.
Al 37´ il Tavarnuzze imperversa : Balatri batte un calcio di punizione dalla destra, corta respinta fuori area della difesa , intercetta Favilli che al volo batte di prima intenzione costringendo Antonelli alla presa centrale senza difficoltà.
La squadra blu-amaranto è inesistente su tutti i fronti in questi primi 45 minuti di gioco, tanto che sul finire del tempo i locali hanno altre due occasioni per raddoppiare. Al 40´ Bianco batte un calcio d´angolo, palla a Ferri in area, colpo di testa incrociato e palla che sfiora la traversa di un soffio. Altra opportunità di raddoppio al 42´, Balatri scatta in profondità sulla sinistra, all´altezza del vertice prova la conclusione sul secondo palo, palla che esce fuori di poco alla sinistra di Antonelli.
Nei ultimissimi minuti prima Vona al 44´ con un cross troppo sul portiere, parato sulla linea di porta da Lo Castro, poi al 47´ con Biscardi, alta la sua conclusione dal limite, riescono a spostare il baricentro leggermente in avanti.
Il secondo tempo inizia subito con una sortita blu-amaranto in area avversaria : è il 52´ quando Tarocchi viene servito da un lancio lungo sull´out di sinistra, converge e dalla linea di fondo cerca la conclusione di Terlindi appostato sul primo palo. Il portiere anticipa tutti bloccando la sfera prima del suo intervento. Ma la giornata nerissima per i ragazzi di Celadon ha il suo culmine fra il 59´ e il 72´ , tredici minuti da cancellare. Al 59´ cross dalla sinistra di Ceccatelli in area verso il neo-entrato Romiti, colpo di testa ravvicinato che sembra preda di Antonelli sul primo palo, non si capisce bene cosa succede, fatto sta che da una presa facilissima la palla entra in rete per il 2-0 dei locali. Palla al centro e dopo tre minuti, siamo al 62´ Querci atterra Favilli in piena area, rigore per il Tavarnuzze. Batte Balatri e ad Antonelli non riesce il miracolo delle ultime due occasioni, troppo angolato il suo tiro e terzo gol per la squadra di casa. Ancora più disarmante è vedere affondare i colpi da parte degli avversari e non vedere alcuna reazione da parte dei blu-amaranto. Logicamente continuando così si arriva inevitabilmente al quarto gol dei locali al 72´ : ancora Romiti parte sulla destra, evita in velocità la nostra difesa, entra in area e beffa Antonelli in uscita con un pallonetto che finisce diretto in rete. Qualche istante dopo l´arbitro espelle giustamente Biscardi per proteste (Federico, non più parole !!!!!). Un accenno di risveglio a questo punto da parte della Zenith ridotta in dieci , ma è soltanto un fuoco di paglia. 75´ : Tarocchi batte una punizione dalla sinistra in area per Magnatta, colpo di testa troppo centrale e Lo Castro blocca senza problemi. Arriva il gol della bandiera al 78´ : scende sulla sinistra Tarocchi, crossa al limite dell´area per Magnatta che tenta la conclusione , la palla svirgolata finisce in area per Pamio che in corsa incrocia sul secondo palo e deposita in rete.
Ma la squadra di casa continua la sua partita giocata sull´agonismo oggi a noi sconosciuto e dopo un contropiede deviato per un soffio da Antonelli all´80´ , arriva prima l´espulsione di Paolo Magnatta e un minuto dopo (al 90´) il gol del definitivo e umiliante 5-1 ad opera di Venturi che approfitta di un calcio di punizione dal limite , complice anche una leggera deviazione della barriera, e deposita in rete.
Nessun altro commento su questa partita, niente è compromesso, ma la squadra deve cercare quell´agonismo e quella carica nervosa che oggi assolutamente sono mancati.

Paolo Tarocchi





Fonte: Paolo Tarocchi