JUNIORES REGIONALI : RESISTE PER BEN 77ยด MINUTI LA COMPAGINE DI CELADON. NEL FINALE LA VITTORIA PER I LOCALI : 2-0

03-10-2009 -

FIESOLECALDINE : Sgura, Focardi (64´ Guarna), Rossi, Martelli (64´ Balloni), Ricceri, Pucci, Mascherini (81´ Cecconi), Cresci, Ardito, Maurizi, Filice (49´ Marino). A disp. : Corazzi, Mazzoni, Cecconi, Ardovini. All. : Massimo Valgimigli.
ZENITH S.A. : Antonelli, Pamio, Claps, Querci, Manetti, Pasquali, Romei, Esposito, Ponterosso, Valeriani (92´ Pezzati), Tarocchi. A disp. : Sammartino, Vona (infortunato). All. : Alessandro Celadon.
ARBITRO : Giorgio Bassi di Firenze
RETI : 77´ Marino, 88´ Ardito (rig.).
NOTE : Ammoniti per il Fiesolecaldine Filice, Mascherini, Marino; per la Zenith Claps e Pamio. Espulso Marino per doppia ammonizione. Angoli : 12-2 per il Fiesolecaldine. Recupero : 1´ p.t. + 4´ s.t.

Finisce con il classico punteggio all´Inglese di 2-0 quest´incontro dall´esito scontato fra una delle favorite del campionato e la Zenith S.A. Sulla carta è un gioco da ragazzi per gli uomini di Valgimigli avere la meglio sulla compagine di Alessandro Celadon composta quest´oggi da soli 13 giocatori (compresi due portieri) + un infortunato in panchina (Vona) non disponibile per la gara ma a incoraggiare i proprio compagni. L´influenza e le squalifiche hanno condizionato questa trasferta a Firenze. Sul campo però non è stato facile avere la meglio perché la squadra di casa ha dovuto sudare fino al 77´ per scardinare la difesa a riccio della nostra formazione. Il Fiesolecaldine parte subito all´attacco e nei minuti iniziali è protagonista il portiere Antonelli, al 1´ su una conclusione in sospetto fuorigioco di Mascherini , sul quale il portiere e´ costretto ad uscire sui piedi per deviare fuori, mentre al 2´ e´ ancora Mascherini che ricevuta palla da Ardito, in posizione decentrata sul limite dell´area tira al volo di destro, ma Antonelli si supera deviando in volo plastico in calcio d´angolo. Passano soli due minuti ed e´ Ardito che questa volta scende sulla destra tallonato da Querci, in corsa mira all´angolo lontano, la traiettoria fa la barba al secondo palo e si conclude sul fondo. Soltanto al 6´ la Zenith mette il naso fuori dalla sua metà campo. Claps da rimessa laterale serve Tarocchi centralmente, questi si lascia superare dalla palla ma la sua conclusione e´ troppo debole e finisce di qualche metro a lato. L´assedio della squadra fiorentina riprende subito, e da due calci piazzati arrivano altri pericoli per Antonelli. Al 10´ è Martelli dal vertice sinistro che sfiora il secondo palo, mentre due minuti più tardi e´ lo stesso portiere locale, Sgura, che batte personalmente una punizione per la sua squadra dalla linea di centrocampo (per dirvi come è alto il baricentro della squadra bianca !!!) , pesca Mascherini in area spostato sulla destra, il tiro al volo di quest´ultimo viene deviato con bravure in angolo da Antonelli. L´azione del Fiesolecaldine è tambureggiante, ogni percussione è un pericolo per la porta amaranto, ma la fortuna almeno fino a questo momento sembra essere dalla parte dei nostri ragazzi. Protagonista in questo frangente è Antonelli (autore però ad onor del vero anche di un paio di amnesie colossali su normali disimpegni) chiamato subito alla parata prodigiosa al 29´ : l´azione parte da Mascherini sulla destra per Ardito in piena area, conclusione ravvicinata di quest´ultimo ma l´estremo difensore amaranto si oppone con bravura deviando e recuperando palla in due tempi. La buona sorte gira bene per noi quest´oggi, infatti al 30´ viene servito Ardito sulla sinistra, converge al limite dell´area e di destro cerca la conclusione di potenza sul palo piu´ lontano, la palla esce di un soffio. Sembra capitolare la squadra di Celadon al 40´ quando per un fallo di Pamio in area su Ardito, l´arbitro (oserei dire pessimo quest´oggi il suo operato, non ne ha azzeccata una, a occhio e croce era ancora più giovane dei giocatori stessi) concede il penalty. Batte Mascherini ma Antonelli non si fa sorprendere sulla sua sinistra e devia in angolo. Il primo tempo si conclude con una mischia furibonda in area a due passi dalla linea di porta, Antonelli sbroglia tutto tuffandosi a terra e bloccando l´azione. Primi 45 minuti di gioco con la difesa arroccata ermeticamente, il classico catenaccio con rare ripartenze, infatti pericoli per il portiere di casa non ce ne sono stati.
Il secondo tempo comincia subito al 46´ con una punizione di Pucci, conclusione beffarda la sua che attraversa tutta l´area ma e´ preda di Antonelli prima che provochi guai più seri. Ma e´ al 47´ che la Zenith ha una delle rare occasioni di quest´oggi per rendersi pericolosa : Romei da fuori area fa filtrare un pallone d´oro in area per Tarocchi, smarcatosi davanti al portiere; basterebbe incrociare il tiro sul palo più lontano, ma l´attaccante svirgola incredibilmente da posizione favorevole, perdendo così un´occasionissima per passare inaspettatamente in vantaggio. La squadra fiorentina non da´ tregua alla nostra retroguardia, e al 54´Ardito si trova a tu per tu con l´estremo difensore amaranto, la sua conclusione viene intercettata d´istinto da Antonelli che riesce a deviare in calcio d´angolo. Le azioni per passare in vantaggio si sprecano da parte fiorentina, ogni incursione è un pericolo , ma in questo secondo tempo si registra anche qualche rara frecciata della Zenith . Come al 59´ quando ancora Tarocchi viene servito di nuovo con un lancio in profondità , lascia scorrere sulla sinistra ma la sua conclusione in completa solitudine è debole e sbilenca , la palla finisce sul fondo distante dalla porta. Due azioni simili sciupate così ingenuamente, alla lunga gli errori sotto porta si pagano. Un minuto più tardi è Querci che usufruisce di una punizione dalla tre quarti, il tiro è bello ma Sgura si dimostra attento e con un tuffo plastico devia sul fondo. Per qualche minuto la Zenith controbatte lo strapotere dei locali, e al 63´ bello scambio a due Esposito - Querci - Esposito sulla destra , tiro dalla lunga distanza di quest´ultimo, Sgura para senza problemi centralmente. Ma il Fiesolecaldine sta cominciando ad irritarsi per il vantaggio che non arriva e che ritarda più del dovuto. Al 69´ è una traversa piena di Ardito dal limite dell´area che fa saltare tutti in aria, ma la palla torna in campo e l´azione sfuma. Nel reparto avanzato della squadra fiorentina, Ardito è senza l´elemento più di spicco che si muove per tutto il fronte d´attacco. E al 73´ lo stesso Ardito scatta in contropiede , tutto solo davanti ad Antonelli si fa deviare il suo tiro in angolo da quest´ultimo. Al 76´ altra grossa occasione per i padroni di casa : da un cross basso in area di Ardito dalla destra la palla sfila davanti alla linea di porta senza che nessuno la tocchi ed esce sul fondo. La fortuna pero´ svanisce al 77´ : dall´ennesimo calcio d´angolo battuto dai fiorentini (12 a 2) la palla arriva in area a Marino, stranamente libero da marcatura, si accomoda leggeremente la palla con una mano e di destro la deposita in rete da pochi passi. Vantaggio sicuramente meritato , ma al pareggio sinceramente cominciavamo a farci la bocca, visto l´andamento della gara e la fortuna nostra di quest´oggi. La prima reazione post-gol della Zenith si ha all´81´ quando Tarocchi sul vertice sinistro stoppa una palla in arrivo, se la porta sul destro e batte a rete , Sgura blocca a terra. La squadra si ripete all´ 87 quando con una bella azione corale, la palla circola dalle parti di Ponterosso che testa l´appoggia al limite dell´area per Pamio il quale che d´istinto al volo calcia altissimo sopra la traversa. E mentre la nostra squadra cerca di risalire la corrente arriva il gol del raddoppio. Per un fallo di Claps in area su Ardito, l´arbitro concede il secondo rigore alla squadra fiorentina. Questa volta tira Ardito, portiere da una parte e palla nell´ altra. Doppio vantaggio per la squadra di casa. La partita vive ora di incursioni disperate della Zenith alla ricerca di un pareggio sempre più improbabile, di conseguenza crescono i contropiedi per la freccia Ardito, e infatti gli ultimi due della gara al 90´ e 91´ rispettivamente costringono sul primo Antonelli al volo plastico per la deviazione in angolo, mentre sul secondo e´ la conclusione sempre di Ardito che finisce sul fondo. La partita si conclude in pieno recupero al 93´ con una insidiosa azione solitaria di Querci che parte dalla sua trequarti , evita in scioltezza un paio di avversari ma la sua conclusione finisce alta sopra la traversa. La partita finisce qui, più di così ai ragazzi non si poteva chiedere. Andare a giocare nella tana di un simile avversario addirittura in 13 non lasciava spazio all´immaginazione, c´è da ammettere che fra la Zenith e il Fiesolecaldine ora come ora c´è quanto il giorno e la notte (troppa differenza fra le due compagini) , pertanto c´è solo da elogiare i ragazzi per l´impegno profuso in campo, per lo spirito con cui hanno affrontato questa partita. Con qualche errore in meno davanti , sfruttando la giornata fortunata a nostro favore, avremmo potuto sfruttare meglio la gara. Però è andata bene ugualmente, non è arrivata "la vendemmiata" come qualcuno che sta leggendo (lui sa chi) aveva purtroppo previsto, anzi, con due soli gol la pratica Fiesolecaldine è stata liquidata.

Paolo Tarocchi




Fonte: Paolo Tarocchi